La dieta è servita

La pizza fa ingrassare e questo è un dato di fatto. Possiamo girarla e rigirarla, puntare su ingredienti freschi e leggerezza degli impasti, ma alla fine una pizza margherita classica si attesta intorno alle 1000/1100 kcal, quindi grossomodo le calorie previste per un pasto completo di una persona di corporatura media di sesso maschile. Ovviamente nessuno ci vieta, ogni tanto, di concederci una pizza a pranzo, recuperando lo “sgarrro” con un pasto leggero. Ed è stato così, cercando il modo per poter mangiare più spesso la mia amata pizza, senza compromettere salute e linea, dopo un lungo periodo passato a studiare la panificazione in ogni suo aspetto, che mi è nata l’idea di mettere a punto un impasto per pizza a basso regime calorico. C’è voluto un anno intero di ricerca per mettere a punto la giusta ricetta in modo che fosse perfetta per essere presentata al pubblico, anche perché nel frattempo il nostro lavoro è “lievitato”, tra consulenze, eventi, fiere e soprattutto l’apertura del nuovo Bakery Lab e del punto di rivendita Fermentum. Prima d tutto ho ragionato su quale fosse la tipologia di pizza più adatta per questo progetto: la pala è risultata essere la più appetibile, perché permette un impasto ad alta idratazione ed una fruibilità al piatto tipica della pizza classica. Vista la grande quantità di acqua presente nell’impasto il sapore tende a diluirsi, quindi c’era bisogno di trovare una farina con un forte sapore, che avesse un gusto più spiccato per contrastare l’alta idratazione e soprattutto che fosse ricca di fibre e multicereale per abbassare il più possibile l’indice glicemico. Mi è venuto in aiuto come sempre il Molino Denti, permettendomi di studiare e selezionare le farine di cui avevo bisogno per questa tipologia di impasto e lavorando a 4 mani ho trovato finalmente la quadra corretta con l’utilizzo della mia attrezzatura da forno. Ho capito realmente le grandi potenzialità di questo prodotto quando ha iniziato a prendere forma fisicamente la nuova tipologia di impasto: calibrando la miscela al punto giusto ho ottenuto al morso un sapore profondo ed avvolgente. Il nuovo impasto così ottenuto ha, per porzione, soltanto 481 kcal e, con un condimento di verdure e un formaggio leggero non filante, ne raggiunge 550 kcal che grossomodo il valore di un pasto leggero, ma completo per il fabbisogno giornaliero. Se si evitano anche i latticini arriviamo a poco più di 500 kcal, anche se credo che con questi numeri possiamo permetterci una spolverata di parmigiano o pecorino.Da lunedì 9 Settembre il laboratorio sarà pronto per il nuovo prodotto e vi aspettiamo numerosi come sempre!!    

Ecco i valori della nostra pizza a regime calorico ridotto
Piennoli del Vesuvio, Corbarino, Datterino Giallo della piana del Sele, Fior di Agerola, Bufala Campana, Pesto di Basilico
Friarielli Campani, Fior di Agerola, Porchetta, Stracciatella Pugliese, Granella di Pistacchio , Salsa BBQ
Sugo di Datterini Gialli, Piennoli del Vesuvio, Fior di Agerola,Olive schiacciate Calabresi, Pecorino Abruzzese
Friarielli Campani, Datterini Gialli della piana del Sele,Pancetta Pepata stagionata 150gg, Parmigiano 36 mesi
Patate di Montese, Fior di Agerola, Porchetta, Olive Schiacciate Calabresi , Salsa Greca

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*